Leonardo Cremonini

Le parentesi dell’estate (diptych), 1965/1966
Au coin du plein air (diptych), 1967
Libertà di parola, 1971
Le parentesi del gioco (diptych), 1970/1972
Dall’immaginario al visibile (diptych), 1975/1976
Nodi e parallele di un girotondo, 1975/1976
Le temps libres (diptych), 1980/1982
Silences indiscrets (diptych), 1994/1996
Les temps vides au couchant (diptych), 1994/1996
La chaleur du midi, 1995/2000
Soupirail et parentheses, 2000
Orizzonti rubati (diptych), 2008
previous arrow
next arrow
 
BIOGRAPHY

Leonardo Cremonini was born in Bologna on November 26th, 1925.

His father Luigi, a railway worker, paints since his youth and passes on his passion to his son. In 1936 the family moved to Paola, in Calabria, where the young Leonardo was able to discover southern Italy and the Mediterranean light, which will always be present in his paintings.

In 1941 he obtained a scholarship from the Venturoli College which allowed him to study for four years at the Academy of Fine Arts in Bologna, where he attended the courses of Alfredo Protti, Farpi Vignoli, Luciano Minguzzi and Guglielmo Pizzirani, with whom he will have a profound friendship. In 1945, with the same scholarship, he enrolled at the Brera Academy in Milan, where he met and established a strong bond with the painter Karl Plattner and with Dario Fo, while his masters were Italo Valenti, Aldo Carpi and Aldo Salvadori. During this period he spent long stays on the Comacina Island, on Lake Como and established friendly relationships with various well-known personalities, such as Mario Sironi, Giò Ponti, Marco Valsecchi, Lamberto Vitali and Violetta Bisesti.

After his training, in 1950 he moved to Venice where he met Peggy Guggenheim, who provided him with a small studio, and where he frequented Virgilio Guidi and Giuseppe Marchiori. 1951 proved to be a pivotal year in the biography of the artist who went to Paris on a scholarship from the French government. His candidacy was supported in particular by the writer Elio Vittorini and the painter Mario Sironi. Cremonini settled in the French capital and frequents artistic circles, where he met the linguist Giovanna Madonia, his future companion, while he made long stays in Italy. Between 1951 and 1955 he stays in Forio on the island of Ischia, where he met Werner Henze, Carlyle Brown, Pavel Tchelitchev, Catherine Viviano and Henri Cartier-Bresson, who will take numerous portraits of him.

Starting from 1952, Cremonini exhibited almost exclusively at the Catherine Viviano Gallery in New York, even if he does not live there.

In this period the first significant change takes place in Cremonini’s painting, whose stylistic path can be broadly divided into three macro periods: the first academic phase, still linked to a clear realism and traditional figurative styles, the decade between 1952 and 1962, in which his painting is oriented towards more up-to-date solutions and a more stylized figuration, and the more mature phase that is defined between the sixties and the seventies and will continue until his death.

During the 1950s, his painting became more physical, material, leaving traces of brush and dripping on the canvas. At the same time there is a certain primitive monumentality and the search for a chromatic unity, based on variations of the same tone. However, the line is always present to define the forms, giving his works a Mediterranean nature.

In 1954, during one of his exhibitions in Rome, he met Francis Bacon with whom he became friends and who introduced him to Erica Brausen, who dedicated an exhibition to him at the Hanover Gallery in London.

In 1955 he settled permanently in Paris, where he took a home and studio with Giovanna Madonia in rue de Buci, a studio that he would keep until his death.

In 1956 he was in Douarnenez, in Finistère, where he met Georges Perros. The following year, the American art critic and future director of the MoMA’s painting department, William Rubin, noted Cremonini and wrote one of the first in-depth articles on his work, which appeared in the magazine “Arts” in February 1957.

In 1957, unable to find a home in Ischia, already too trendy, he set out in search of an island and fell in love with Panarea, where he found several houses and offered them to his friends – Sebastian Matta, Anselmo Francesconi, Erica Brausen, Karl Plattner – who reached him, creating a privileged working community.

He resided on the island until 1959, and since the 1960s he exhibited mainly in Europe, collaborating with the Galerie du Dragon since 1962. He continued to live in Paris, alternating business stays in Bertinoro, Procida, Bagheria, Sanlucar de Berrameda in Andalusia , Trouville in Normandy, Panarea and, starting from 1974, in the Florentine hills. Already in these years some fundamental friendships will be defined with writers and artists – Gino Severini, Balthus, Dacia Maraini, Henri Cartier-Bresson, to name just a few well-known names – which defined the intellectual and profound nature of Cremonini, who will always remained faithful to an individual path of figurative experimentation, far from the most well-known trends of the second half of the twentieth century.

Since 1960, in the context of the Algerian war that tears apart France, he painted some works in support of the Algerian cause and then dedicates himself from 1961 to new, more intimate subjects, such as women with a mirror on a Mediterranean background, which correspond to the beginning of a stylistic change that is as profound as it is fast. The colors are intensified, no longer playing on the shades, but on the contrast, more and more lively, sometimes acidic, and the compositions are organized according to a geometric structure made up of vertical and horizontal. Painting rests, life goes out and the subjects become suspended, linked to memory: the scenes are painted with realistic precision, but the atmosphere becomes melancholy, almost metaphysical. Half-open doors, long corridors, terraces overlooking a flat sea and desert, characters without personality, mirrors that reflect empty and distorted rooms, incongruous geometric elements, these will be the subjects of Cremonini’s painting for almost fifty years. His painting contains an encrypted language, which must be interpreted and seems to conceal an existential drama, which is why many illustrious names, from William Rubin to Umberto Eco, from Alberto Moravia to Italo Calvino, have written and shed light on his work. Suffice it to say that the philosopher Louis Althusser, in a 1966 article published in the magazine “Démocratie nouvelle”, dedicated his only text on painting to Cremonini’s art.

In 1963, his son Pietro, now an architect in Paris, was born from his relationship with the linguist Giovanna Madonia.

In 1964 he obtained a personal room during the XXXII edition of the Venice Biennale and in 1965 he received the San Marino Biennale Award and exhibited at the IX edition of the Rome Quadrennial.

Between 1969 and 1974 several monographic exhibitions were dedicated to him in the museums of Brussels, Prague, Basel, Lund, Bologna, Paris, Darmstadt and Strasbourg as well as at the Maisons de la Culture of Saint-Étienne, Grenoble, Amiens and Chambéry.

In 1972 he met the painter Roberta Crocioni, he travelled the world with her and together they bought a house in the hills of Florence in the Chianti region, they got married in 1990.

He alternated long stays between Paris, Panarea and Tuscany for the rest of his life.

In 1979 his first exhibition took place at the Galerie Claude Bernard, in Paris – the gallery dedicated ten solo exhibitions to him between 1979 and 2006 – and in that year Cremonini received the President of the Italian Republic’s Prize at the Academy of San Luca.

In 1980 a retrospective was dedicated to him at the Seibu Museum of Art in Tokyo and since 1983 he has been Chef d’Atelier de Peinture at the École Nationale Superieure de Beaux Arts in Paris, a position he will hold until 1992.

In 1984 he was the guest of honor at the Spoleto Festival, which dedicated a retrospective to him, while in 1985 he was chosen to create the Drappellone awarded to the winner of the Palio di Siena in August of that year.

In 1987 Skira published an important monograph dedicated to his paintings between 1953 and 1987, accompanied by texts on the artist by William Rubin, Pierre Emmanuel, Louis Althusser, Max Clarac Sérou, Michel Butor, Alberto Moravia, Pierre Gaudibert, Gilbert Lascault, Italo Calvino, Umberto Eco, Geneviève Breerette, Alain Jouffroy, Marc Le Bot and Jacques Brosse.

In 1995 the SEITA Museum dedicated an exhibition to Cremonini’s small formats and watercolors, while in 2002 and 2003 two large retrospective exhibitions of his work are hosted respectively by the Permanente di Milano and the Pinacoteca Nazionale di Bologna.

In the 2000s, Cremonini was president of the Academy of San Luca in Rome, Commander of Arts and Letters in France and a member of the Académie Royale de Belgique, of the Académie des Beaux-Arts at the Institut de France and of the Academy of the Fine Arts and Design of Florence.

His last exhibition at the Galerie Claude Bernard took place in 2006, when he exhibited recent works, dated from 1999 to 2005.

The great retrospective at the National Gallery in Prague was held in 2007, while in 2008 an exhibition dedicated to his early works from the 1940s took place in Legnano.

Finally, in 2010 two retrospectives were organized in Athens, one dedicated to paintings and one to drawings.

Leonardo Cremonini died in Paris on April 12th


BIOGRAFIA

Leonardo Cremonini nasce a Bologna il 26 novembre 1925.

Il padre Luigi, ferroviere, dipinge fin dalla giovinezza e trasmette la sua passione al figlio. Nel 1936 la famiglia si trasferisce a Paola, in Calabria, dove il giovane Leonardo ha modo di scoprire l’Italia meridionale e la luce mediterranea, che sarà sempre presente nei suoi dipinti.

Nel 1941 ottiene una borsa di studio dal Collegio Venturoli che gli permette di studiare per quattro anni all’Accademia di Belle Arti di Bologna, dove segue i corsi di Alfredo Protti, Farpi Vignoli, Luciano Minguzzi e Guglielmo Pizzirani, con il quale stringerà una profonda amicizia. Nel 1945, sempre con la stessa borsa di studio, si iscrive all’Accademia di Brera a Milano, dove conosce e instaura un forte legame con il pittore Karl Plattner e con Dario Fo, mentre i suoi maestri saranno Italo Valenti, Aldo Carpi e Aldo Salvadori. In questo periodo effettua lunghi soggiorni all’Isola Comacina, sul Lago di Como e instaura relazioni di amicizia con diversi personaggi noti, quali Mario Sironi, Giò Ponti, Marco Valsecchi, Lamberto Vitali e Violetta Bisesti. 

Finita la formazione, nel 1950 si trasferisce a Venezia dove conosce Peggy Guggenheim, la quale gli fornisce un piccolo studio e dove frequenta Virgilio Guidi e Giuseppe Marchiori. Il 1951 si dimostra un anno fondamentale nella biografia dell’artista che si reca a Parigi con una borsa di studio del governo francese. La sua candidatura è stata sostenuta in particolare dallo scrittore Elio Vittorini e dal pittore Mario Sironi. Cremonini si stabilisce nella capitale francese e frequenta i circoli artistici, dove incontra la linguista Giovanna Madonia, sua futura compagna, pur continuando a fare lunghi soggiorni in Italia. Tra il 1951 e il 1955 soggiorna a Forio sull’isola d’Ischia, dove incontra Werner Henze, Carlyle Brown, Pavel Tchelitchev, Catherine Viviano e Henri Cartier-Bresson, che gli scatterà numerosi ritratti. 

A partire dal 1952, Cremonini espone quasi esclusivamente alla Catherine Viviano Gallery di New York, anche se non vi risiede. 

In questo periodo avviene il primo cambiamento significativo nella pittura di Cremonini, il cui percorso stilistico può essere suddiviso a grandi linee in tre macro periodi: la prima fase accademica, ancora legata a un chiaro realismo e a stilemi figurativi tradizionali, il decennio tra 1952 e il 1962, in cui la sua pittura si orienta verso soluzioni più aggiornate e una figurazione più stilizzata, e la fase più matura che si definisce tra gli anni Sessanta e gli anni Settanta e proseguirà fino alla morte. 

Nel corso degli anni Cinquanta, la sua pittura si fa più fisica, materica, lasciando tracce di pennello e colatura sulla tela. Si avverte allo stesso tempo una certa monumentalità primitiva e la ricerca di un’unità cromatica, basata sulle variazioni dello stesso tono. La linea è tuttavia sempre presente a definire le forme, conferendo ai suoi lavori una natura mediterranea. 

Nel 1954, durante una sua mostra a Roma, conosce Francis Bacon con il quale stringe amicizia e che lo presenta a Erica Brausen, che gli dedica una mostra alla Hanover Gallery di Londra.  

Nel 1955 si stabilisce definitivamente a Parigi, dove prende casa e studio con Giovanna Madonia in rue de Buci, studio che conserverà fino alla sua scomparsa. 

Nel 1956 è a Douarnenez, nel Finistère, dove incontra Georges Perros. L’anno seguente, il critico d’arte americano e futuro direttore del dipartimento di pittura del MoMA, William Rubin, nota Cremonini e scrive uno dei primi articoli di approfondimento sul suo lavoro, che appare sulla rivista “Arts” del febbraio 1957. 

Nel 1957, non riuscendo a trovare casa a Ischia, già troppo di moda, parte alla ricerca di un’isola e si innamora di Panarea, dove trova diverse case e le propone ai suoi amici – Sebastian Matta, Anselmo Francesconi, Erica Brausen, Karl Plattner – che lo raggiungono, dando vita a una comunità di lavoro privilegiata.

Risiede sull’isola fino al 1959, e a partire dagli anni Sessanta espone principalmente in Europa, collaborando con la Galerie du Dragon a partire dal 1962. Continua vivere a Parigi, alternando soggiorni di lavoro a Bertinoro, Procida, Bagheria, Sanlucar de Berrameda in Andalusia, Trouville in Normandia, a Panarea e, a partire dal 1974, sui colli fiorentini. Già in questi anni si definiranno alcune amicizie fondamentali con scrittori e artisti – Gino Severini, Balthus, Dacia Maraini, Henri Cartier-Bresson, per fare solo alcuni nomi noti – che definiranno la natura intellettuale e profonda di Cremonini, il quale rimarrà sempre fedele a un individuale percorso di sperimentazione figurativa, lontano dalle tendenze più note della seconda metà del XX secolo. 

Dal 1960, nel contesto della guerra d’Algeria che lacera la Francia, dipinge alcune opere a sostegno della causa algerina per poi dedicarsi a partire da 1961 a nuovi soggetti più intimi, come le donne con specchio su fondo mediterraneo, che corrispondono all’inizio di un cambiamento stilistico tanto profondo quanto veloce. I colori si intensificano, non più giocati sulle sfumature, ma sul contrasto, sempre più vivaci, talvolta acidi, e le composizioni sono organizzate secondo una struttura geometrica fatta di verticali e orizzontali. La pittura riposa, la vita si spegne e i soggetti si fanno come sospesi, legati alla memoria: le scene sono dipinte con precisione realistica, ma l’atmosfera si fa malinconica, quasi metafisica. Porte semiaperte, lunghi corridoi, terrazze affacciate su un mare piatto e deserto, personaggi senza personalità, specchi che riflettono stanze vuote e distorte, elementi geometrici incongrui, questi saranno i soggetti della pittura di Cremonini per quasi cinquant’anni. La sua pittura racchiude un linguaggio crittografato, che va interpretato e sembra celare un dramma esistenziale, motivo per cui molti nomi illustri, da William Rubin a Umberto Eco, da Alberto Moravia a Italo Calvino, hanno scritto e fatto luce sul suo lavoro. Basti pensare che il filosofo Louis Althusser, in un articolo del 1966 pubblicato sulla rivista “Démocratie nouvelle”, dedicherà all’arte di Cremonini il suo unico testo sulla pittura. 

Nel 1963, dalla relazione con la linguista Giovanna Madonia, nasce il figlio Pietro, oggi architetto a Parigi. 

Nel 1964 ottiene una sala personale durante la XXXII edizione della Biennale di Venezia e nel 1965 riceve il Premio Biennale di San Marino ed espone alla IX edizione della Quadriennale di Roma. 

Tra il 1969 e il 1974 gli vengono dedicate diverse mostre monografiche nei musei di Bruxelles, Praga, Basilea, Lund, Bologna, Parigi, Darmstadt e Strasburgo nonché alle Maisons de la Culture di Saint-Étienne, Grenoble, Amiens e Chambéry. 

Nel 1972 incontra la pittrice Roberta Crocioni, con lei viaggerà il mondo e insieme compreranno una casa sulle colline di Firenze nel Chianti, si sposeranno nel 1990. 

Alternerà lunghi soggiorni tra Parigi, Panarea e la Toscana per il resto della vita.

Nel 1979 ha luogo la sua prima mostra alla Galerie Claude Bernard, a Parigi – la galleria gli dedicherà dieci mostre personali tra il 1979 e il 2006 – e in quell’anno Cremonini riceve il Premio del Presidente della Repubblica Italiana all’Accademia di San Luca. 

Nel 1980 gli viene dedicata una retrospettiva al Seibu Museum of Art di Tokyo e dal 1983 è Chef d’Atelier de Peinture presso l’École Nationale Superieure de Beaux Arts di Parigi, incarico che ricoprirà fino al 1992. 

Nel 1984 è ospite d’onore al Festival di Spoleto, che gli dedica una retrospettiva, mentre nel 1985 viene scelto per eseguire il Drappellone assegnato al vincitore del Palio di Siena nell’agosto di quell’anno. 

Nel 1987 Skira pubblica un’importante monografia dedicata ai suoi dipinti tra il 1953 e il 1987, accompagnata da testi sull’artista di William Rubin, Pierre Emmanuel, Louis Althusser, Max Clarac Sérou, Michel Butor, Alberto Moravia, Pierre Gaudibert, Gilbert Lascault, Italo Calvino, Umberto Eco, Geneviève Breerette, Alain Jouffroy, Marc Le Bot e Jacques Brosse. 

Nel 1995 il Museo SEITA dedica una mostra ai piccoli formati e agli acquerelli di Cremonini, mentre nel 2002 e 2003 due grandi mostre retrospettive del suo lavoro vengono ospitate rispettivamente dalla Permanente di Milano e dalla Pinacoteca Nazionale di Bologna. 

Negli anni Duemila, Cremonini è presidente dell’Accademia di San Luca a Roma, Commendatore delle Arti e delle Lettere in Francia e membro dell’Académie Royale de Belgique, dell’Académie des Beaux-Arts à l’Institut de France e all’Accademia delle Belle Arti e del Disegno di Firenze. 

La sua ultima mostra alla Galerie Claude Bernard avviene nel 2006, quando espone lavori recenti, datati dal 1999 al 2005. 

Del 2007 è la grande retrospettiva alla Galleria Nazionale di Praga, mentre nel 2008 a Legnano si svolge una mostra dedicata ai suoi primi lavori degli anni Quaranta. 

Infine nel 2010 vengono organizzate ad Atene due retrospettive, una dedicata ai dipinti e una ai disegni. 

Leonardo Cremonini muore a Parigi il 12 aprile.